Alluce valgo

 

L’alluce valgo è una deformità a carico del 1° dito e più precisamente della prima articolazione metatarso-falangea del piede.

La prima articolazione metatarso-falangea (MTF) è nell’avampiede la più complessa delle articolazioni MTF  a causa del meccanismo sesamoideo.

L’alluce e la prima MTF giocano un ruolo importante nel trasferimento del carico durante la locomozione. Certe condizioni patologiche, acquisite o iatrogene, riducono la capacità della prima MTF e dell’alluce di agire da strutture portanti. Ciò da luogo ad un trasferimento del carico al versante laterale del piede, il che a sua volta sfocia in una lesione da trasferimento al di sotto della seconda o terza testa metatarsale (metatarsalgia da trasferimento).

L’alluce valgo compare quasi esclusivamente in persone che indossano scarpe. La nozione che le calzature sono il principale contributo allo sviluppo dell’alluce valgo è stata avvalorata da vari studi. Sebbene le scarpe sembrino essere il fattore estrinseco essenziale nell’eziologia dell’alluce valgo, soprattutto quelle con punta stretta, molti individui che portano scarpe alla moda non sviluppano questa deformità. Perciò qualche fattore intrinseco, che poi vedremo,  deve rendere questi piedi più vulnerabili all’effetto della scarpa.

Sebbene numerosi studi abbiano fornito dati statistici che mostrano nella popolazione femminile una certa predilezione per l’alluce valgo, ciò può essere semplicemente un portato delle loro calzature. Certamente le scarpe indossate dalle donne sono meno fisiologiche di quelle indossate dagli uomini e scarpe di qualsiasi tipo possono portare ad un alluce valgo in persone suscettibili.

Come dicevamo prima esistono altri fattori sia intrinseci che estrinseci che possono determinare la comparsa della deformità, molto importante è infatti la familiarità: una anamnesi familiare positiva viene notata anche nel 60 % dei pazienti di vari studi.

È stata descritta l’associazione tra piede piatto pronato e sviluppo di alluce valgo, cosi come appare evidente l’associazione tra primo metatarso varo  e sviluppo di alluce valgo

Ci sono inoltre altra due condizioni molto importanti che predispongono lo sviluppo dell’alluce valgo. Esse sono rappresentate dal lunghezza del primo metatarso e dalla iper-mobilità della articolazione metatarso cuneiforme (MTC).

L’età più colpita è quella tra i 40 ed i 60 anni, ma negli ultimi tempi si è notato un aumento di questa patologia in pazienti più giovani, intorno ai 30 anni, talvolta perfino in adolescenti. Si accompagna spesso ad altre patologie tra le quali le più frequenti sono: il dito in griffe, il dito a martello e la metatarsalgia.